Educare.. un “mestiere” difficile spesso, purtroppo, da improvvisare

Image

Laureati! Ed eccoci proiettati, o meglio, lanciati nel mondo del lavoro. Felici, entusiasti e propositivi, ma cosa ci attende?
A cosa sono serviti tutti quegli anni di studi?
Cosa possiamo realmente fare noi?
E altre mille domande attendono i nostri eroi freschi di laurea.

Questo post non avrà solo il sapore dei sogni ma anche quello delle disillusioni e della fatica; senza mai dimenticare che:

“Al termine della scalata, non c’è la scalata
ma la sommità.
Al termine della notte, non c’è mai la notte ma l’aurora.
Al termine della disperazione,
                               non c’è mai la disperazione ma la speranza”.                                                                                                          Joseph Folliet

Sono passati ormai 9 mesi e mezzo dalla mia laurea e altrettanti dall’inizio del lavoro in una comunità educativa. Un lavoro totalizzante. Nei primi mesi lo fai senza mai respirare. Magari non ne sei cosciente ma vivi in apnea. Guardi tutto, ma il tuo sguardo non è ancora sufficientemente allenato e si perde tra le mille cose che dovresti invece vedere e cogliere. Mischi i piani. Non distingui né selezioni per importanza ciò che vedi. Non hai mai tempo di tornare alla teoria studiata. Alle idee dei tanti pedagogisti geniali che ti hanno preceduto. Ma poi impari che devi trovare dei momenti per farlo.. e allora eccoci al motivo d’essere di questo post.

Vorrei segnalare a tutti un incontro bello e interessante per genitori ed educatori che si terrà domani sera a Milano.
Trovate tutte le info a questo sito: Centro PsicoPedagogico per l’educazione e la gestione dei conflitti.

Lunedì 7 aprile ore 20.45

con Daniele Novara, direttore scientifico della Scuola Genitori


Farsi ascoltare! Come comunicare efficacemente con i figli.
Comunicare con i figli non è semplicemente parlargli. Nelle varie età assume caratteristiche diverse.
Conoscerle permette di creare legami profondi senza essere soffocanti, creativi senza essere 
amicali, chiari senza essere rigidi. Alcune tecniche aiutano in questo compito. 


E con esso, vi segnalo anche l’intero sito del CPP, con i tanti contenuti interessanti e gli appunti gratuiti dei convegni. Insomma: un sito da tenere d’occhio..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *